Spesa al supermercato: italianità sempre più premiata

Milano – Oltre il 25% dei prodotti alimentari venduti in super e ipermercati esibisce la sua italianità in etichetta: a rivelarlo è la terza edizione dell’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy. Sui 60.600 prodotti alimentari di largo consumo analizzati, è emerso che oltre 15.300 richiamano la loro origine made in Italy in etichetta e che, nel corso del 2017, le loro vendite sono cresciute del 4,5%, ossia a un tasso maggiore rispetto al +2,3% fatto registrare nel 2016. Nel 2017 i prodotti alimentari che richiamano l’italianità in etichetta hanno generato oltre 6,3 miliardi di euro di vendite, ovvero circa 274 milioni di euro più del 2016, dovuti soprattutto alle vendite senza promozioni dei nuovi prodotti. Trend ampiamente positivo per Dop e Doc, che accelerano rispettivamente del +6,9% e del +8,1% rispetto al 2016, trainate dalle vendite di formaggi e di vini e spumanti. Continua anche l’espansione dei prodotti alimentari Igp e Docg, con performance in crescita del +7,8% e del +8,7%, guidate da salumi Igp e vini e spumanti Docg.


ARTICOLI CORRELATI