Corte Ue: storica sentenza a tutela dei prodotti Dop-Igp

2021-09-10T09:27:45+02:0010 Settembre 2021 - 09:27|Categorie: in evidenza, Mercato|Tag: , |

Bruxelles (Belgio) – La Corte di giustizia Ue si è espressa chiaramente a tutela dei prodotti Dop-Igp nel caso ‘Champanillo’. Questo il nome di una catena di locali spagnoli con un logo evocativo del celebre spumante francese. Tanto da far scendere in campo il Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne (Civc) che ha prontamente accusato la catena di aver utilizzato in maniera impropria l’indicazione geografica. Nelle pubblicità, infatti, la catena utilizza due coppe riempite con una bevanda e l’associazione con il celebre vino francese appare più che evidente. Chiamata a dirimere la questione, la Corte si è espressa i maniera univoca: “In primo luogo”, si legge nella sentenza, “la Corte dichiara che il regolamento protegge le Dop da condotte relative sia a prodotti che a servizi”, con una “protezione ad ampio raggio destinata ad estendersi a tutti gli usi che sfruttano la notorietà associata ai prodotti protetti da una di tali indicazioni”. L’evocazione, prosegue la sentenza, “si configura quando l’uso di una denominazione produce, nella mente di un consumatore europeo medio, normalmente informato e ragionevolmente attento e avveduto, un nesso sufficientemente diretto e univoco tra tale denominazione e la Dop. L’esistenza di un tale nesso può risultare da diversi elementi, in particolare, dall’incorporazione parziale della denominazione protetta, dall’affinità fonetica e visiva tra le due denominazioni e dalla somiglianza che ne deriva, e anche in assenza di tali elementi, dalla vicinanza concettuale tra la Dop e la denominazione di cui trattasi o ancora da una somiglianza tra i prodotti protetti da tale medesima Dop e i prodotti o servizi contrassegnati da tale medesima denominazione”.

Torna in cima