Il Polo del Gusto (Illy) archivia il 2021 con un fatturato di oltre 100 milioni di euro (+36% sul 2020)

2022-05-12T18:30:10+02:0012 Maggio 2022 - 16:42|Categorie: Dolci&Salati, Grocery, Mercato|Tag: , , , , |

Trieste – Il Polo del Gusto, la sub-holding del Gruppo Illy che riunisce marchi del calibro di Dammann Frères, Domori, Mastrojanni, Agrimontana e Pintaudi, ha concluso il 2021 con un fatturato superiore ai 100 milioni di euro, in crescita del +36% sul 2020 e del +13% sul 2019. Come riporta una nota di Ice Parigi, la holding ha registrato performance positive per tutte le società controllate. In particolare, sono Dammann Frères, maison di tè francese, e Domori, realtà dolciaria piemontese, a trainare i risultati del Gruppo: le due aziende archiviano il 2021 rispettivamente con un fatturato di 37,2 milioni e 26,3 milioni di euro. Tra i progetti futuri anche la costruzione di due stabilimenti. Damman Frères potrà contare su un nuovo polo di 20mila mq, la cui costruzione dovrebbe essere ultimata entro il 2024 nei pressi di Parigi. A None (To), invece, sorgerà la nuova Città del cioccolato di Domori: uno spazio di 12mila mq immerso nel verde, realizzato a fronte di un investimento di 10 milioni di euro. Ma le novità non terminano qui. Oltre all’apertura della prima boutique-gourmet a insegna Polo del Gusto, la sub-holding mira anche a quotarsi in Borsa. “Pensiamo di portare in Borsa l’intero Polo del Gusto entro tre o quattro anni”, spiega Andrea Macchione, Ad del Polo del Gusto. “Partiremo dai marchi più maturi come il tè Dammann Frères sulla piazza di Parigi e il cioccolato Domori a Milano”.

In foto, da sinistra: Andrea Macchione e Riccardo Illy, rispettivamente Ad e presidente del Polo del Gusto.

Torna in cima