Nonno Nanni diventa green.
Latteria Montello vince il bando per la carbon footprint

2012-06-25T16:47:45+01:0025 Giugno 2012 - 16:47|Categorie: Formaggi|Tag: , , |

Giavera del Montello (Tv) – Latteria Montello, azienda attiva nel segmento premium del mercato stracchini con oltre 27 milioni di pezzi prodotti all’anno e 90 milioni di euro di fatturato, segna un importante risultato nel campo della sostenibilità. L’azienda, nota per il celebre marchio Nonno Nanni, ha vinto infatti nei giorni scorsi un bando del ministero dell’Ambiente per un progetto finalizzato a calcolare l’impronta di carbonio (carbon footprint) lungo tutta la filiera. E durante le fasi di vita di alcuni dei prodotti di punta del marchio trevigiano. Così, tre formaggi tra i più amati a marchio Nonno Nanni, ovvero lo stracchino, lo stracchino con fermento probiotico e la robiola, diventano anche presidi attivi per la salvaguardia dell’ecosistema. L’impegno assunto con il progetto che si è aggiudicato il bando è infatti quello di ridurre e neutralizzare in futuro le emissioni di Co2 in atmosfera. “Siamo un’azienda, ma anche una famiglia – sottolinea Silvia Lazzarin, responsabile marketing di Latteria Montello – da sempre attenta alle esigenze della tutela dell’ambiente e allo sviluppo armonico del nostro territorio. La vittoria di questo bando – continua – ci riempie di autentica soddisfazione anche perché rappresenta un ulteriore riconoscimento del nostro impegno per la sostenibilità dei processi di produzione”.
(AR)

Torna in cima