Assolatte: Italia primo esportatore europeo di formaggi in Usa, Canada e Svizzera

Milano – Nel primo semestre 2017 i formaggi italiani mettono a segno brillanti performance sui mercati esteri, guadagnando il quarto posto nella classifica europea dei Paesi esportatori verso i mercati extra-Ue. A darne notizia è Assolatte, che snocciola le cifre: tra gennaio e giugno 2017, dall’Unione, sono partite verso i Paesi extra Ue ben 421.500 tonnellate di prodotti caseari, in crescita dell’8% rispetto allo stesso periodo del 2016. L’11% di questi formaggi è partito dall’Italia che, con le sue 48.500 tonnellate, conquista il quarto posto, superata solo da Olanda (75.400 tonnellate), Germania (67mila tonnellate) e Francia (56.300 tonnellate). Ma ci sono importanti mercati dove l’Italia si prende la rivincita sui suoi competitor europei. In primis gli Stati Uniti dove, nei primi sei mesi del 2017, l’export di prodotti caseari italiani è arrivato a 17.800 tonnellate, confermandosi primo fornitore Usa di formaggi, davanti alla Francia (10.300 tonnellate) e
all’Olanda (7.100 tonnellate). Nello stesso periodo l’Italia è risultato il primo esportatore di formaggi anche in Canada, dove con le sue 2.400 tonnellate ha distaccato la Francia (1.900 tonnellate) e la Danimarca (790 tonnellate). Arriva dall’Italia anche un terzo dei formaggi importati in Svizzera, spiega ancora Assolatte. Tra gennaio e giugno 2017 le aziende italiane sono riuscite a esportare nella confederazione elvetica 10.200 tonnellate di formaggi, staccando nettamente la Germania (8.800 tonnellate) e la Francia (6.700 tonnellate).