Grano Senatore Cappelli: l’Agcm sanziona la Sis per pratiche commerciali scorrette

Milano – Una sanzione di 150mila euro a Società Italiana Sementi – Sis Spa – per pratiche commerciali scorrette nella vendita delle sementi del grano Senatore Cappelli. Questa è la conclusione a cui è giunta l’Autorità dopo un procedimento istruttorio avviato nel marzo 2019 nei confronti della Società Italiana Sementi accertando tre distinte condotte dell’impresa contrarie alla disciplina delle relazioni commerciali in materia di cessione di prodotti agricoli e agroalimentari, come prevista dall’art. 62 del decreto legge 1/2012. Come spiega Agcm (l’Autorità garante della concorrenza e del mercato) in un comunicato, la Sis  – che detiene l’esclusiva sulla commercializzazione delle sementi del grano della varietà ‘Cappelli’ – in base a un contratto di licenza stipulato nel 2016 con il Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) ha: subordinato la fornitura delle sementi alla riconsegna da parte dei coltivatori del grano prodotto, imponendo alle controparti un rapporto c.d. di filiera; ha ritardato o addirittura rifiutato in maniera ingiustificatamente selettiva la fornitura delle sementi ai coltivatori; ha aumentato in maniera significativa e ingiustificata i prezzi delle sementi.


ARTICOLI CORRELATI