Olio d’oliva: l’aumento dei prezzi costa 231 milioni di euro ai consumatori europei

Milano – Una sorta di tempesta perfetta si è abbattuta sulla produzione europea di olio d’oliva. Secondo quanto calcolato da Iri, a causa del problema della Xylella, che ha colpito la  Puglia negli ultimi due anni e (soprattutto) dello scarso raccolto in Spagna, che è il primo produttore in Europa, si è registrata un’impennata de prezzi che nel 2015 è costata ai consumatori europei circa 231 milioni di euro (+9,5% rispetto allo scorso anno). L’aumento è, ovviamente, più consistente nei paesi dove l’olio è un ingrediente tipico: +27,2% in Spagna, +21% in Italia e +12,2% in Grecia. Un trend che ha generato un calo a volume in tutti i paesi europei, tranne l’Italia dove si sono mantenute piuttosto stabili.

Tags: , , ,

ARTICOLI CORRELATI