E dopo la riduzione dei prezzi, gli iPhone e i vini, ecco il 15% su tutta la spesa di Esselunga

2022-01-04T16:12:49+01:003 Gennaio 2022 - 09:01|Categorie: Il Graffio, in evidenza, Retail|Tag: , , |

Di Luigi Rubinelli

 

Negli ultimi mesi dell’anno 2021 Esselunga ha ridotto i prezzi del 15% (leggi qui) elevato la pasticceria Elisenda a boutique (leggi qui), ricordato il suo ruolo sociale (leggi qui), avviato un concorso con mille iPhone e migliaia di bottiglie di vino, ecco che Esselunga apre il 2022 con uno sconto del 15% per tre giorni, dal 2 al 4 gennaio nei negozi fisici e nell’online. L’iniziativa non comprende: cesti natalizi, champagne, superalcolici, alimenti per lattanti (0-6 mesi), quotidiani e periodici, bollettini postali, farmaci, contributi premi Fìdaty, carte e cofanetti prepagati, contributi consegna domicilio.

L’invito è stato spedito ai possessori di Fidaty a metà mattino del 1 gennaio.

Non era mai capitato nella storia dell’insegna una simile operazione e nemmeno in altre insegne della Gdo. Qualcuno ha fatto lo sconto un giorno la settimana per gli studenti, per gli anziani, ma nessuno ha mai osato replicarlo per tre giorni.

 

Perché lo ha fatto:

  • i primi tre giorni dopo Capodanno sono di relative basse vendite, un taglio prezzi di questa entità ingolosisce perché comprende anche il non food,
  • lo sconto è stato applicato anche nell’online per ribadire il fatto che Esselunga è un solo grande e ramificato canale di vendita,
  • con la chiusura oggettiva di diverse zone delle grandi città per via del Coronavirus, il ricorso all’online è quasi necessario per non uscire di casa,
  • aumenteranno sicuramente le vendite non fisiche, anche se la consegna a domicilio sarà rimandata di qualche giorno visto il successo dell’impresa,
  • i concorrenti della Gdo e dell’online non fanno mai promozioni in questi primissimi giorni dell’anno,
  • aumenta la visibilità della convenienza e della vicinanza alle esigenze dei clienti (compresi bar e somministrazioni varie),
  • ovviamente rinuncia a parte del margine, ma il largo consumo, come si sa, è un business di volumi.

Insomma, Esselunga dimostra di essere leader ancora una volta. Certo, alcuni gridano allo scandalo e vorranno vedere i dati di bilancio: non c’è che aspettare qualche mese per vedere i risultati economici di una serie di iniziative diverse e diversificate.

Torna in cima