In crescita le esportazioni di formaggio italiano verso gli Usa (+17,8%) nei primi sette mesi del 2015

2015-09-10T10:14:28+01:0010 Settembre 2015 - 10:14|Categorie: Formaggi|Tag: , , , , , , , |

Milano – Secondo le analisi Clal.it dei dati Gtis, le importazioni di prodotti lattiero caseari degli Usa, nel mese di luglio 2015 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, sono aumentate a volume per Wmp (+129.1%), caseinati (+59.1%), burro (+54.9%) e formaggi (+22.6%). In calo, invece, le caseine (-13.9%), la polvere di siero (-25.5%) e il latte condensato (-66.1%). I principali paesi fornitori di formaggio, nei primi sette mesi del 2015, sono: l’Italia, le cui esportazioni, pari al 17% della quota di mercato, sono aumentate del 17.8%; Francia, le cui esportazioni, pari all’11% della quota di mercato, sono diminuite del 4% e Olanda, le cui esportazioni, pari all’8% della quota di mercato, sono aumentate del 23.8%.

Torna in cima