Osservatorio Immagino: in Gdo, un prodotto su quattro parla di sostenibilità in etichetta

2022-10-03T11:04:50+01:003 Ottobre 2022 - 11:04|Categorie: Mercato, Retail|Tag: , , , , , , |

Milano – Sostenibilità ambientale, economica e sociale sono valori sempre più centrali per i consumatori. Tanto che il 72% li ritiene fondamentali per restare fedele a un brand. Un fenomeno che tocca tutte le generazioni, e che costituisce una sfida anche per le insegne della Gdo. Che sempre più spesso scelgono di comunicare il proprio impegno utilizzando le confezioni dei prodotti. Secondo l’ultimo Osservatorio Immagino di GS1 Italy, oltre un prodotto su quattro tra quelli a scaffale parla di sostenibilità nella propria etichetta: quasi 33mila referenze, che generano un valore pari a 12,5 miliardi di euro. In particolare, l’Osservatorio ha individuato 35 claim che richiamano la sostenibilità nel packaging, e li ha suddivisi in quattro aree tematiche. La prima, con una quota del sell out del 19,2%, riguarda le risorse: 15 claim, rintracciabili nell’11,8% dei prodotti, che riportano parole come ‘riciclabile’ o ‘meno plastica’. La seconda (7,8% del sell out) riguarda agricoltura e allevamento: nove claim, sul 10,5% dei prodotti, che citano l’assenza di antibiotici o la filiera. Il terzo gruppo coinvolge la responsabilità sociale: le certificazioni di questo paniere (tra cui Fsc, Rainforest Alliance e Fairtrade) accomunano il 6,5% dei prodotti, per un 10,6% delle vendite totali. Quarto e ultimo gruppo, quello degli animali: il 2,4% dei prodotti a scaffale usa claim come ‘cruelty free’ o ‘benessere animale’, per un apporto al sell out del 4,4%.

Torna in cima