Conad Adriatico: nel 2018 giro d’affari a +15,5% (1,2 miliardi di euro)

Pugnochiuso (Fg) – Conad Adriatico chiude il 2018 con risultati positivi, in controtendenza rispetto all’andamento negativo della Gd. Ammonta a 1,2 miliardi di euro il giro d’affari (+15,5% rispetto al 2017), mentre il patrimonio netto consolidato è pari a 176,9 milioni di euro (162,2 milioni nel 2017). L’insegna si è rafforzata in tutte le regioni in cui opera, aumentando la propria solidità economica a sostegno dell’attuazione del piano di sviluppo al 2021: 78,6 milioni di euro per nuove aperture, ristrutturazioni, adeguamenti informatici, servizi per i clienti e attenzione all’ambiente. Qualità, convenienza ed efficienza sono i capisaldi di ognuno dei 410 punti di vendita – 7 Conad Ipermercati, 20 Conad Superstore, 158 Conad, 118 Conad City, 32 Margherita, 57 Todis e 18 L’Alimentare – che operano in varie regioni della costa adriatica: Marche (44), Abruzzo (140), Molise (18), Basilicata (7) e Puglia (164) Albania e Kosovo (41). A questi si aggiungono altri servizi: 3 distributori di carburanti, 4 Ottico, 12 parafarmacie, 6 self service 24 su 24 Conad e un PetStore. A fine 2018 Conad ha dato vita con il gruppo Finiper a un’operazione di affitto di ramo d’azienda relativa a sei ipermercati con insegna Iper. Una serie di iniziative che spaziano dai prodotti ai servizi hanno assicurato ai clienti un risparmio di 22,5 milioni di euro nel corso del 2018. Protagonista è la marca Conad, con un trend in costante crescita che, nei punti di vendita Adriatico, ha raggiunto una quota di mercato del 26,6% nel Largo consumo confezionato, ben 6,5 punti percentuali al di sopra della media Italia (fonte: Iri). Buoni anche i risultati sul fronte della sostenibilità ambientale e della responsabilità sociale.


ARTICOLI CORRELATI