Assocaseari, il punto settimanale sul mercato: disponibilità scarsa per tutte le commodities, ma prezzi stabili

2022-10-03T09:21:48+01:003 Ottobre 2022 - 09:21|Categorie: Formaggi, in evidenza|Tag: , , , , , , |

Cremona – L’analisi degli andamenti della scorsa settimana, a cura di Assocaseari, rivela che i prezzi sono rimasti perlopiù stabili per tutte le commodities, la cui disponibilità rimane scarsa. Di seguito il commento integrale, firmato da Emanuela Denti:

– Sul mercato europeo, disponibilità di latte molto scarsa e prezzi invariati rispetto a due settimane fa: crudo tedesco trattato a 0,62/0,63 €/kg, e scremato a 0,32 €/kg partenza. Ma c’è richiesta di prodotto. Sul mercato nazionale latte crudo trattato a 0,68 €/kg, restando invariato per la seconda settimana consecutiva. Stabile anche lo scremato, trattato ancora a 0,38-0,385 €/kg partenza, domanda più viva del crudo. Il mercato resta sostenuto soprattutto a causa della raccolta, che in certe zone è ancora in calo. I titoli sono buoni.
– Sul mercato Ue, scarsissima disponibilità di crema di latte e domanda normale; la merce tedesca è stata trattata a 3,66 €/kg franco arrivo, l’olandese 3,63 €/kg reso Nord Italia. Sul mercato italiano, buona domanda di panna nazionale di qualità trattata a bollettino e a bollettino+, fino a 3,67 €/kg partenza.
– Quotazioni del burro di centrifuga invariate per tutte e tre le principali piazze europee: Germania con il minimo a 6,99 €/kg e il massimo 7,05 €/kg (media a 7,02 €/kg), l’Olanda a 7,22 €/kg e la Francia a 7,55 €/kg. La media a tre è 7,23 €/kg e a due di 7,135 €/kg. Anche Milano resta invariato a 7,05 €/kg.
Latte in polvere scremato in calo in Germania e Francia, in aumento in Olanda. L’intero rileva in Germania un leggero incremento per il prezzo minimo, stabile il prezzo massimo. Invariate le quotazioni in Francia e Olanda. Il tedesco per uso zootecnico è invariato rispetto a due settimane fa, in aumento in Olanda.
– In Germania il bollettino del siero per uso alimentare fa registrare un calo per quanto concerne il prezzo massimo, invariato il minimo. Le quotazioni del siero per uso zootecnico restano stabili in Germania, in discreto rialzo in Francia e in leggera diminuzione in Olanda.
– Quotazioni ufficiali e di mercato dei formaggi nazionali stabili sui valori della scorsa settimana, anche se si evidenzia un po’ di pesantezza sulla merce stagionata dei duri Dop. Situazione stabile anche per i formaggi europei.

NB: I prezzi pubblicati devono essere considerati solo indicativi di una tendenza di mercato, in quanto miscellanea non solo di prezzi effettivi di vendita, ma anche di prezzi di offerte e/o richieste rilevate sul mercato.

 

Leggi qua l’analisi di mercato di Assocaseari della scorsa settimana.

Torna in cima