Putin nazionalizza lo Champagne (2), Federvini: “La legge potrebbe avere implicazioni più vaste”

2021-07-06T09:49:40+01:006 Luglio 2021 - 09:49|Categorie: in evidenza, Vini|Tag: , , , , |

Roma – “La legge firmata dal presidente Putin che di fatto vieta ai produttori di Champagne di riportare la denominazione in etichetta in cirillico (optando per la definizione spumante) e che ha fatto infuriare i produttori francesi in realtà potrebbe avere implicazioni più vaste”, si legge in una nota pubblicata da Federvini, che spiega anche come il provvedimento russo, di fatto, modifichi sia la legge federale n. 171-FZ  sulla ‘Regolamentazione della produzione e circolazione delle bevande alcoliche e sulla limitazione del consumo’, sia la legge federale n. 468-FZ sul vino e i prodotti a base di vino. “In attesa di maggiori dettagli”, spiega ancora Federvini, “si può ipotizzare che il testo normativo possa avere un impatto molto ampio. Il provvedimento infatti abroga l’articolo 2.5 della legge federale 468 che riconosceva i trattati internazionali come fonti giuridiche di rango superiore: ciò determinerebbe maggiore confusione rispetto al Regolamento tecnico dell’Unione economica eurasiatica in corso di revisione”.

Torna in cima