Carrefour rivaluta le proprie attività in Cina e Taiwan

Levallois-Perret (Francia) – Carrefour sta prendendo in considerazione la possibilità di cedere le sue attività in Cina e Taiwan attraverso una Ipo su Hong Kong o la creazione di una joint-venture con un’altra società. L’offerta pubblica iniziale potrebbe raccogliere un miliardo di dollari, ma i progetti di Carrefour sono ancora in uno stato embrionale. Il retailer francese, che gestisce 220 ipermercati in Cina, rappresenta il quarto maggiore operatore del settore nel paese, con una capitalizzazione di mercato che nel 2012 era pari al 6,9%. Valore che raggiunge il 48,1% a Taiwan, dove è leader di mercato. Lo scorso anno, le attività asiatiche hanno fatto registrare alla società un reddito operativo di 168 milioni di euro, con margini operativi del 2,6% (rispetto al 3,5% del 2011). Negli ultimi anni, tuttavia, Carrefour si è progressivamente ritirata dai mercati asiatici meno consolidati, come il Giappone, la Corea del Sud, l’Indonesia e la Malesia, concentrandosi maggiormente su quello francese, che nel primo quadrimestre del 2013 ha rappresentato il 45% del giro d’affari complessivo.