ESTERI
Cina: ad agosto, l’import di burro cresce del 101,6%, a volume

Milano – L’import lattiero caseario della Cina ha segnato una crescita delle importazioni del 9,8% a volume e del 35,4% a valore, nei primi otto mesi del 2017, pari a complessive 1,74 milioni di tonnellate importate, per un controvalore di 5,94 miliardi di dollari. I numeri sono stati elaborati e diffusi da Clal.it, che evidenzia anche un altro dato: nel solo mese di agosto 2017 la domanda cinese ha registrato complessivamente un’accelerazione del +28,7% a volume e del +70% a valore, aumentando le importazioni di tutti i prodotti lattiero caseari. In particolare, il burro cresce, a volume, del +101,6%, la Wmp del +91,9%, la crema di latte del +89,7%, la Smp del +63,8%, i formaggi del +40,9% e il latte confezionato del +7,4%. La Cina ha importato 15.018 tonnellate di burro, oltre il doppio rispetto ad agosto 2016, aumentando i propri acquisti da Nuova Zelanda, Francia e Belgio. Il valore dell’import di Burro (87.758.000 dollari) è triplicato in agosto (+216%).
Anche la domanda di crema di latte prosegue in Agosto (+89,7% a volume e +134% a valore), con Nuova Zelanda e Francia che si attestano come principali fornitori.