Assocaseari, il punto settimanale sul mercato: la produzione in Europa è ancora al di sotto della media del passato

2022-04-26T09:32:50+02:0026 Aprile 2022 - 09:32|Categorie: Formaggi, in evidenza|Tag: , , , , , , |

Cremona – L’analisi degli andamenti della scorsa settimana, a cura di Assocaseari, rivela che, anche dopo la Pasqua, la produzione nei maggiori Paesi produttori in Europa è rimasta al di sotto di quella negli anni precedenti. Sia i venditori sia i compratori stanno ancora riflettendo sul come comportarsi. I listini di latte e burro sono stabili, mentre la crema è in leggero aumento. Incertezza per quanto riguarda le polveri. Solo i formaggi proseguono negli aumenti. Di seguito il commento integrale, firmato da Emanuela Denti:

– Sul mercato europeo, latte crudo intero tedesco trattato a 0,55 €/kg, scremato a 0,28-0,29 €/kg partenza. Scarse sia la domanda che l’offerta. Sul mercato nazionale ottima domanda, latte crudo scambiato a 0,535 €/kg partenza, lo scremato cede leggermente e perde ancora 1 cent. Raccolta stabile, con tassi di grasso e proteine in calo.

– Sul mercato Ue, crema di latte tedesca in leggero aumento, trattata a 3,56-3,60 €/kg franco arrivo. In Italia, panna nazionale di qualità sostenuta, scambiata a 3,48-2,52 €/kg.

– Settimana di riflessione per il burro nei bollettini ufficiali europei. Solo Kempten, dopo i pesanti adeguamenti al rialzo delle precedenti settimane e il ribasso di sue settimane fa, si riposiziona, aumentando di € 0,05 il minimo, che va a 7,05 €/kg, e lascia invariato il massimo a 7,20 €/kg, media tedesca 7,125 €/kg. L’Olanda e la Francia stanno ferme, rispettivamente a 7,25 e 7,34 €/kg. La media a tre della scorsa settimana è 7,238 €/kg e quella a due 7,188 €/kg. La quotazione del burro di centrifuga a Milano resta invariata a 7,07 €/kg. Dopo Pasqua, nel mercato ancora incertezza, con offerte intorno alla media Europea.

– I bollettini del latte in polvere questa settimana hanno seguito andamenti differenti nei tre Paesi che teniamo in considerazione. L’intero è calato in Germania, rimasto invariato in Olanda e aumentato in Francia. Lo scremato è diminuito in Germania e Olanda, mentre è aumentato in Francia.

– Le quotazioni del siero sono calate in Germania e in Olanda, mentre sono rimaste invariate in Francia.

– Bollettini nazionali dei formaggi in forte aumento per il Grana Padano a Cremona e Mantova, e per il Parmigiano Reggiano 12 mesi a Modena, Reggio Emilia (in questo caso anche il 24 mesi) e Mantova. Quotazioni medie europee in aumento, con l’Edamer che sale a 4,40 €/kg, il Cheddar a 3,81 €/kg, il Guoda a 4,20 €/kg e l’Emmentaler a 5,16 €/kg. I prezzi di mercato restano, per l’ennesima settimana, ben più alti, tutti sopra i 5,00 €/kg.

NB: I prezzi pubblicati devono essere considerati solo indicativi di una tendenza di mercato, in quanto miscellanea non solo di prezzi effettivi di vendita, ma anche di prezzi di offerte e/o richieste rilevate sul mercato.

Torna in cima