Usa: settembre da record per l’export lattiero caseario

2022-11-10T11:59:35+01:0010 Novembre 2022 - 11:55|Categorie: Formaggi|Tag: , , , , , , , , , , , |

Virginia (Usa) – Un settembre da record per l’esportazione di prodotti lattiero caseari dagli Stati Uniti. A rivelarlo un’analisi di mercato realizzata da Us Dairy Export Council. Il latte fa registrare un +7%. Il siero di latte aumenta del 18%, mentre le esportazioni di formaggio e lattosio sono cresciute rispettivamente del 5% e del 32%. Il dato più rilevante è però quello che riguarda il burro, con le spedizioni che hanno raggiunto un +49%.

L’unico prodotto statunitense che per il decimo mese consecutivo vede calare l’export è il latte in polvere scremato. Il -7% registrato è causato principalmente dalla disponibilità limitata dei prodotti e dalla ridotta domanda cinese. Sempre in Cina, invece, sono in aumento le importazioni di siero di latte dagli Stati Uniti (+41%) grazie alla crescita del permeato. Sorprendenti anche i dati che riguardano l’export statunitense di latte scremato in polvere (+22%) e formaggi (+11%) verso il Messico.

Il burro è stato il fattore trainante dell’export lattiero caseario degli Stati Uniti, con i prezzi che hanno temporaneamente superato quelli europei, facendo diventare il burro americano il più costoso sul mercato. L’esportazione di burro dall’America, appunto, ha raggiunto a settembre il +49%. Forte la crescita in Canada (+126%) e ancora in Messico (+106%). Entrambi i paesi sono rimasti indietro nella produzione di latte negli ultimi 18 mesi e per questo si sono rivolti maggiormente agli Stati Uniti per riuscire a colmare il divario.

Le esportazioni di burro dagli Stati Uniti, si stima, sono però destinate a rallentare tra la fine del 2022 e i primi mesi del 2023. Questo perché la produzione in Nuova Zelanda, tra i principali esportatori, è in continuo aumento. Tra gennaio e agosto 2022, infatti, la produzione ha raggiunto il 5,5%. Ferma al 2,2% quella americana. I prezzi più bassi del burro neozelandese, inoltre, possono rappresentare un ostacolo per l’export Usa.

Rimani aggiornato sulle ultime novità del settore lattiero caseario!

Torna in cima