Diretta Coronavirus/I furbetti di Wall Street

New York (Usa) – A causa della pandemia da Covid-19, le borse di tutto il mondo stanno subendo fortissime oscillazioni, specialmente al ribasso. E sono diversi i top manager che, vendendo azioni nei primi mesi del 2020, hanno evitato perdite finanziarie molto ingenti. Secondo un’inchiesta del Wall Street Journal, infatti, sono oltre 150 i top manager che hanno venduto, tra l’inizio di febbraio e il 20 marzo, azioni delle proprie società quotata in Borsa, per un valore complessivo di circa 9,2 miliardi di dollari, e scongiurando perdite per 1,9 miliardi totali. Primo fra tutti Jeff Bezos, il numero uno di Amazon, che a fine febbraio aveva venduto azioni della società da lui fondata per 3,4 miliardi di dollari, pari a circa il 3% della sua partecipazione. Un’abile scelta finanziaria, che gli ha permesso di risparmiarsi perdite per 317 milioni di dollari. Secondo il Wall Street Journal, non ci sarebbe nessuna indicazione che i manager abbiano venduto le azioni in relazione alla pandemia. Tuttavia, in base ai dati di S&P Global Market Intelligence, la somma totale delle azioni vendute dai manager tra febbraio e il 20 marzo di quest’anno è salita del 30% rispetto agli ultimi due anni.



ARTICOLI CORRELATI