Montelvini annuncia una vendemmia di qualità per il suo Asolo Prosecco Superiore Docg

Venegazzù di Volpago del Montello (Tv) – Ha preso avvio la vendemmia tra i filari di Glera da cui poi prenderà vita l’Asolo Prosecco Superiore Docg firmato Montelvini. E anche per la cantina simbolo della Docg asolana, come è segnalato in una nota dell’azienda veneta, il 2017 non sarà ricordato come una delle annate più semplici nella gestione delle vigne. Alla gelata a macchia di leopardo, che in aprile ha messo a dura prova le piante influendo sulla quantità di uva prodotta, è seguita un’estate caratterizzata dalla grande siccità. Oggi, però, in fase di raccolta le uve si dimostrano “belle, sane, con grappoli praticamente perfetti”. La quantità raccolta è leggermente inferiore alla media, spiega ancora l’azienda, ma la qualità decisamente superiore. “Una situazione che ci rende ottimisti per il prodotto finale e che una volta ancora dimostra come la natura si autoregoli”, sottolinea Alberto Serena, vice presidente Montelvini. “Venivamo infatti da due vendemmie molto abbondanti, che avevano in qualche modo messo sotto stress i vigneti. Questo calo è perciò una fase di respiro per la pianta che, se da un lato ha dato meno uva, dall’altro ha potuto concentrare lo sforzo produttivo nei grappoli arrivati alla giusta maturazione”.