Ucraina: Italia sempre più leader nella fornitura di pasta, ma cala il prezzo medio

Kiev (Ucraina) – Nel corso dei primi cinque mesi del 2019 le importazioni di paste alimentari in Ucraina sono aumentate tanto dal mondo (+54%), ma ancor più dall’Italia (+77%). Secondo il Servizio di Statistica del Paese, come riferisce l’agenzia Ice di Kiev, il giro d’affari complessivo ha raggiunto i 14 milioni di dollari, con il Bel Paese a segnare un business a valore di 7 milioni di dollari. L’Italia si conferma così il primo fornitore di pasta in Ucraina, con una quota di mercato del 50%. Gli altri principali fornitori sono: la Polonia (22% di quota) e la Turchia (14%). In termini di valore, il prezzo della pasta importata è aumentato del 2% rispetto il periodo analogo dell’anno precedente. Mentre secondo gli ultimi dati disponibili, dall’Italia si registrata una diminuzione dell’8% del valore medio.


ARTICOLI CORRELATI