Latte e derivati, indicazione d’origine in etichetta: manca il via libera della commissione Agricoltura

Roma – Non si è ancora pienamente concluso l’iter del provvedimento relativo all’indicazione d’origine obbligatoria per latte fresco e derivati. Ad oggi, infatti, manca l’approvazione definitiva della commissione Agricoltura e la seduta non è ancora stata calendarizzata. A precisarlo è Assocaseari, l’associazione dei commercianti di prodotti lattiero caseari, che sta seguendo con particolare attenzione l’evolversi della situazione presso i due ministeri interessati, cioè il Mise e Mipaaf. Il provvedimento, che ha ottenuto il via libera da Bruxelles per una sperimentazione di due anni, prevede l’obbligo di indicazione sulle confezioni a partire dal 1° gennaio 2017.


ARTICOLI CORRELATI