Scontrino elettronico obbligatorio dal 1° gennaio. Sanzioni sospese fino al 30 giugno

Roma – Con l’inizio del nuovo anno, lo scontrino elettronico diventa obbligatorio per gli operatori commerciali ed economici che emettono ricevuti. Coinvolti commercianti, artigiani, alberghi e ristoranti. Dopo la sperimentazione di luglio 2019, che obbligava solo i commercianti con un volume d’affari superiore a 400mila euro, ora la platea si allarga. Saranno oltre 2 milioni gli esercenti che non dovranno più tenere il registro dei corrispettivi, ma dovranno dotarsi di un nuovo registratore di cassa oppure di un convertitore. Per un costo stimato tra i 250 e i 1.000 euro. La memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati, infatti, saranno collegati direttamente all’Agenzia delle entrate. Il decreto crescita ha sospeso le sanzioni fino al 30 giugno, ma la moratoria si applica solo alla trasmissione dei dati dei corrispettivi, mentre resta l’obbligo di memorizzazione giornaliera.


ARTICOLI CORRELATI