Consorzio Parmigiano Reggiano su dazi Usa: “Ora è esplicita la guerra alle Dop europee”

2019-10-07T12:52:15+01:007 Ottobre 2019 - 12:31|Categorie: Formaggi, Mercato|Tag: , , , , , , |

Reggio Emilia – Anche il presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano, Nicola Bertinelli, commenta il documento pubblicato dalla National milk producers federation (leggi qui). E che, secondo il presidente: “Rende esplicita la volontà del governo americano di fare guerra alle indicazioni geografiche europee”. Secondo Bertinelli è finalmente chiaro il motivo per cui nell’elenco dei prodotti soggetti a dazio aggiuntivo del 25% ci siano solo determinate Ig italiane. “I dazi non sono altro che una ripicca perché l’Europa tutela le Dop registrate: i formaggi americani (come il parmesan, ma anche l’asiago o il gorgonzola, la fontina made in Usa) non possono entrare nell’Ue”. Pretese assurde, prosegue il presidente: “Non permetteremo mai di vendere in Italia il parmesan, questo vale per tutti i consorzi di tutela delle Ig italiane. E la politica italiana ed europea devono essere a fianco dei consorzi”. Gli stessi consumatori americani sarebbero tratti in inganno dai fake: “Il Consorzio ha mostrato a un campione significativo di consumatori americani un parmesan che riportava in etichetta l’indicazione esplicita ‘made in Winsconsin’. Due terzi degli intervistati hanno dichiarato di ritenere il prodotto di provenienza italiana”.

Torna in cima