Confagricoltura: “L’Italia è sempre più un paese trasformatore di prodotti agricoli non nazionali”

Milano – “Il boom delle esportazioni agroalimentari made in Italy, che nell’intero anno dovrebbero superare i 40 miliardi di euro, è senz’altro positivo. Non va sottovalutata però la contestuale crescita delle importazioni, che già nei primi undici mesi dell’anno scorso hanno superato i 41 miliardi di euro (+5,3%), facendo migliorare il saldo commerciale (che si riduce del 10,9%) e dei prodotti trasformati, mentre peggiora il saldo dei prodotti agricoli, con un deficit che cresce del 6,3%. Lo sottolinea Confagricoltura commentando i dati Istat sul commercio estero. “Stiamo diventando sempre di più un paese che importa prodotti agricoli e materie prime che poi trasforma. E questo, se va bene nel complesso, deve far riflettere sulla competitività della nostra agricoltura”.