Ue: no all’utilizzo dei fondi della riserva di crisi per finanziare i danni dell’embargo russo

Bruxelles (Belgio) – Secondo quanto riportato dall’Ansa, il Comitato dei rappresentanti permanenti del Consiglio Ue ha deciso di non utilizzare i fondi della riserva di crisi del bilancio agricolo europeo, per finanziare gli aiuti ai produttori agroalimentari coinvolti dall’embargo russo. La riserva di crisi è finanziata dagli stessi agricoltori, con un prelievo dai finanziamenti che ricevono dalla Ue stessa. Per non utilizzare la riserva, si pensa di procedere a un taglio dei costi delle misure per limitare gli effetti del blocco e di utilizzare le maggiori entrate previste per il bilancio Pac.