Bombieri acquisisce Stella 81

Buttapietra (Vr) – Colpo di mercato per il Salumificio Bombieri. Che, ieri, tramite una società del proprio gruppo si è aggiudicato il salumificio Stella 81 Spa, con sede a Isola della Scala (Vr), fallito lo scorso maggio. L’offerta conclusiva, su base d’asta da 2,61 milioni di euro, è stata di 6,5 milioni. Bombieri si aggiudica due siti produttivi, a Isola della Scala e a Concamarise, i marchi registrati compreso il principale (Stella81) e i beni strumentali per la lavorazione di carni fresche e per la produzione e il confezionamento di salumi. Dichiara Matteo Bombieri, titolare: “Il primo ringraziamento va al Tribunale di Verona, e in particolare al Giudice Delegato dottoressa Silvia Rizzuto e ai Curatori dottoressa Susanna Brun e avvocato Luca Andretto che hanno gestito l’esercizio provvisorio dell’impresa. La procedura fallimentare di Stella 81 era stata avviata il 22 maggio e il cambio di proprietà sta avvenendo in tempi molto rapidi. Con questa acquisizione Bombieri conferma l’ambizioso disegno di sviluppo avviato negli ultimi anni, realizzando un completamento della gamma dei prodotti (a oggi Bombieri è specializzato soprattutto nel prosciutto cotto). Faremo di tutto per preservare i 51 posti di lavoro di Stella 81”. Mauro Turrini, direttore commerciale, commenta: “Con un’offerta completa, l’obiettivo, assieme al naturale aumento di fatturato, diventa quello di conquistare nuovi canali, che erano difficili da acquisire come specialisti del cotto. La nuova gamma rende Bombieri molto appetibile anche in ottica export. Oggi l’azienda fattura 30 milioni di euro e lavora principalmente con i grossisti, canale seguito da Gdo e Cash&Carry, dall’industria e dall’estero, che pesa circa il 5%. L’ampliamento di gamma riguarda anche la possibilità di produrre salumi destinati all’affettamento”.

In foto, da sinistra: Antonietta Patuzzi Bombieri (presidente), Marcella Bombieri (titolare), Mauro Turrini (direttore commerciale), Matteo Bombieri (titolare)