Export, Assolatte: 2013 anno record per i formaggi (+7,4%)

Milano – Secondo i dati diffusi da Assolatte, il 2013 registra un nuovo record per le esportazioni di formaggio, superando i risultati del 2012. Le vendite all’estero sono andate oltre i 2 miliardi di euro (+4,2%), pari a 320mila tonnellate di prodotti esportati (+7,4%). Risultati che permettono all’Italia di classificarsi al quarto posto in Europa per le esportazioni di prodotti lattiero caseari, dopo Olanda, Germania e Francia. “A causa della crisi economica e per mantenere un buon livello competitivo, lo scorso anno abbiamo dovuto ridurre del 3% i prezzi medi dei nostri prodotti. E pur avendo visto crescere i volumi non ci aspettavamo di superare la barriera dei 2 miliardi di euro, chiudendo comunque con un ottimo attivo della nostra bilancia dei pagamenti caseari (245 milioni di euro)”, ha commentato Adriano Hribal, delegato alla presidenza di Assolatte. Dal punto di vista dei mercati di destinazione, si registrano importanti aumenti: Francia +7,6%, Germania +10,4%  e Regno Unito +8,6%. Tra i Paesi extra europei, gli Stati Uniti sono al terzo posto per quantità di formaggi italiani importati, ma in leggero calo (-2,1%), in crescita la Svizzera (+2,8%) e la Russia (+35,3%). Infine le tipologie di formaggio: i prodotti più apprezzati restano la mozzarella e i formaggi freschi che nel 2013 hanno registrato un ulteriore aumento del 15% a volume, seguono grana e parmigiano (+5,9%) e i grattugiati (+4,0%). Bene anche il gorgonzola, con esportazioni che crescono del 5,1%. In calo solo le vendite estere di pecorino e fiore sardo (-6,4%).