Gruppo Petti: Unicredit eroga finanziamento da 8 milioni di euro a sostegno dell’export

Venturina Terme (Li) – Operazione da 8 milioni di euro per la competitività dell’azienda conserviera Petti. UniCredit ha erogato due finanziamenti finalizzati all’acquisto di materie prime da inserire nel processo produttivo per la realizzazione di prodotti dedicati ai mercati esteri. I crediti sono stati garantiti da Sace, che insieme a Simest costituisce il polo dell’export e dell’internazionalizzazione di Cassa Depositi e Prestiti. UniCredit ha strutturato l’operazione con un ‘grace period’ di sei mesi e un periodo di ammortamento in sei rate, il cui rimborso è assicurato dagli incassi ottenuti dalle vendite oltre confine. Il finanziamento rientra nel piano di trasformazione 2017-2018 intrapreso dal gruppo, che ha chiuso il 2016 con un fatturato che sfiora i 250 milioni di euro. “Grazie al nuovo finanziamento”, commenta Antonio Petti, amministratore unico, “si sono reperite le risorse necessarie per incrementare ulteriormente la penetrazione oltre confine, soprattutto in Israele, Australia, Belgio, Messico e Stati Uniti, per ora meno coperti. L’obiettivo, in particolare per la gamma di prodotti di Italian food, è di far diventare il marchio Petti uno dei principali brand italiani di conserve di pomodoro all’estero, puntando sull’alta qualità della materia prima, esclusivamente toscana, e sul gusto distintivo dato dall’esclusivo metodo di lavorazione a bassa temperatura che preserva il colore e il sapore del pomodoro fresco appena raccolto”.


ARTICOLI CORRELATI