ESTERO
Agricoltura: oggi a Bruxelles l’approvazione della politica agricola comune

Bruxelles (Belgio) – In discussione oggi a Bruxelles la riforma sulla politica agricola comune dell’Ue (Pac). La nuova Pac riguarda il periodo 2014-2020, ed è strettamente connessa al negoziato sul bilancio dell’Unione Europea per lo stesso periodo. Commissione, consiglio e parlamento europeo hanno già raggiunto un primo compromesso nei giorni scorsi a Lussemburgo. Prima di tutto, il taglio agli aiuti diretti agli agricoltori non supererà il 30%, spalmato su sei anni, con una convergenza verso il 60% della media nazionale o regionale.  Inoltre sembra dato per acquisito il 2% obbligatorio della quota nazionale degli aiuti diretti da destinare ai giovani agricoltori. Sicura sarebbe anche la quota nazionale del 30% degli aiuti da destinare agli agricoltori eco-friedly, come il compromesso raggiunto sui diritti d’impianto dei vigneti, che saranno smantellati entro il 2016: il nuovo regime prevederà l’1% di incremento annuale della autorizzazioni rilasciate. Facoltativo per gli stati, sarebbe invece l’attivazione di un fondo per i piccoli agricoltori, con un premio massimo fino a 1250 euro.