Ue-Messico: nuovo accordo di libero scambio

Bruxelles (Belgio) - L'Unione europea e il Messico hanno firmato un accordo di libero scambio per eliminare gli ostacoli commerciali esistenti. Attraverso la nuova intesa, che aggiorna l'accordo sul commercio bilaterale in vigore dal 2000, il 99% dell'interscambio di merci, compresi i prodotti agricoli, non sarà più soggetto a dazi. Cadranno, quindi, le tariffe che

2018-04-26T11:56:23+02:0023 Aprile 2018 - 09:39|Categorie: Mercato|Tag: , , , |

Heinz Plasmon: no ai licenziamenti, cassa integrazione per 95 addetti

Roma - Scongiurati, per ora, 95 licenziamenti alla Heinz Plasmon. Il provvedimento era stato preso in considerazione dall'azienda a causa di un consistente calo dei volumi. Invece ieri si è svolto, presso il Ministero dello sviluppo economico, un incontro tra la multinazionale e i sindacati, alla presenza del ministro Carlo Calenda, che ha proposto di avviare la

Piano Industria 4.0: +11% gli investimenti. Calenda: “Crescita a ritmo cinese”

Torino - “Il piano Industria 4.0 va molto bene. Gli investimenti sono cresciuti dell’11%, una percentuale cinese, molto superiore a quella tedesca”. Lo ha sottolineato il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda a Torino, presentando il bilancio 2017 del Piano nazionale. Il ministro ha sottolineato anche che per il 2018 sono stati stanziati, per Industria 4.0, 9,8

2018-02-15T16:43:10+02:009 Febbraio 2018 - 11:28|Categorie: Tecnologie|Tag: , |

Martina disapprova il ricorso al Tar di Aidepi. L’Associazione risponde

Roma - Prosegue il botta e risposta fra Aidepi e il ministro Maurizio Martina. Dopo che l'Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane ha fatto ricorso al Tar contro il decreto interministeriale che renderà obbligatoria l'origine del grano in etichetta, arriva la dichiarazione del capo del Mipaaf. Sabato 21 ottobre, Martina si è detto allibito e ha dichiarato

2017-10-23T10:46:18+02:0023 Ottobre 2017 - 10:40|Categorie: Pasta e riso|Tag: , , , |

Pasta: Aidepi ricorre al Tar contro il decreto che impone l’origine del grano in etichetta

Roma - Aidepi contro il decreto che impone l’origine del grano in etichetta. L’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane, lo scorso settembre ha presentato un ricorso al Tar del Lazio contro il decreto legge voluto dai ministri Carlo Calenda e Maurizio Martina. La norma in questione obbligherà i pastai italiani, da febbraio

2017-10-19T10:38:08+02:0019 Ottobre 2017 - 10:38|Categorie: Pasta e riso|Tag: , , , , |

Mise: più di 10 miliardi per Impresa 4.0

Roma - Dieci miliardi di finanziamenti in manovra per il pacchetto 'Impresa 4.0'. Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda (foto), spiegando che si tratta di risorse “a sostegno delle imprese che investiranno in innovazione, ricerca e formazione negli ambiti e nelle tecnologie che caratterizzano la quarta rivoluzione industriale”. Per accrescere la

2017-10-17T10:26:36+02:0017 Ottobre 2017 - 10:25|Categorie: Tecnologie|Tag: , , |

Accordo di libero scambio con la Nuova Zelanda? Assolatte: “Rischioso per il settore”

Milano - “Ci troviamo di fronte alla possibilità che l'Ue definisca un accordo di libero scambio con la Nuova Zelanda. Un obiettivo certamente ambizioso per il commercio extra europeo, ma che se negoziato sul modello dei precedenti potrebbe diventare deleterio per il settore lattiero caseario”. Ad esprimere queste preoccupazioni è Assolatte, l’Associazione delle industrie lattiero

Industria 4.0: presentate le linee guida per il 2018

Roma - Sono state presentate ieri a Montecitorio le linee guida 2018 del Piano nazionale Impresa 4.0, che si prepara a entrare nella sua ‘seconda fase operativa’, dove il capitolo “lavoro-formazione” rappresenta uno degli asset fondamentali. Alla cabina di regia hanno partecipato Carlo Calenda, titolare del ministero per lo Sviluppo economico, Pier Carlo Padoan, ministro

2017-09-20T10:25:43+02:0020 Settembre 2017 - 10:25|Categorie: Tecnologie|Tag: , , |

Etichettatura d’origine per pasta e riso: mai notificati i decreti a Bruxelles

Roma - I decreti legge che introducono l'etichettatura d'origine per il grano utilizzato per la produzione della pasta e per il riso, in Italia, sono stati pubblicati sulla Gazzetta ufficiale (leggi qui) ma, sembra, mai notificati all'Ue, come invece sarebbe previsto. Uno scivolone che potrebbe rendere nulli i provvedimenti, che dovrebbero entrare in vigore, secondo

Ceta: salta il voto di ratifica in Senato. Tutti i retroscena di questa vicenda

Roma - Il Senato non voterà oggi la ratifica del Ceta, come era invece previsto dal calendario dei lavori dell'aula di Palazzo Madama. La discussione, a meno di nuovi colpi di scena, è stata rinviata a settembre. A pesare sulla scelta, probabilmente, le polemiche scatenate dalla Coldiretti in queste settimane, che hanno spinto i senatori

2017-07-26T10:16:27+02:0025 Luglio 2017 - 16:33|Categorie: Mercato|Tag: , , , , , , |

Etichettatura d’origine per grano e riso: i ministri Calenda e Martina firmano il decreto

Roma - Firmati oggi, senza nemmeno attendere il parere dell’Ue, i due decreti interministeriali per introdurre in via sperimentale, per due anni, l'obbligo di indicazione d'origine in etichetta del riso e del grano per la pasta. A darne notizia sono i ministri delle Politiche Agricole e dello Sviluppo Economico, Maurizio Martina e Carlo Calenda, precisando

2017-07-20T14:49:19+02:0020 Luglio 2017 - 14:49|Categorie: Pasta e riso|Tag: , , , , , , , |

Il ministro Calenda sul Ceta: “Una mancata ratifica rappresenterebbe la fine della politica commerciale Ue”

Roma - "Una mancata ratifica del Ceta, dopo otto anni di negoziati e l'approvazione del Consiglio e del parlamento europeo rappresenterebbe, molto semplicemente, la fine della politica commerciale dell'Ue". Lo scrive il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda (foto), in una lettera indirizzata al Corriere della Sera, all'indomani della manifestazione organizzata da Coldiretti, Greenpeace, Slow Food e

Torna in cima